Incidenza e prevalenza

Stime a fronte di dati disponibili sulla malattia di Pompe indicano una frequenza generale della malattia di 1 su 40.000 nati vivi.  Ausems MG, Verbiest J, Hermans MP, et al. Frequency of glycogen storage disease type II in The Netherlands:implications for diagnosis and genetic counseling. Eur J Hum Genet 1999 Sep; 7(6): 713-6.

Martiniuk F, Chen A, Mack A, et al. Carrier frequency for glycogen storage disease type II in New York and estimatesof affected individuals born with the disease. Am J Med Genet 1998; 79: 69-72.
Tuttavia, come in tutte le malattie rare, è difficile stabilire con esattezza quante persone sono effettivamente colpite. Estrapolando le cifre della frequenza presunta, si stima che l'attuale prevalenza a livello mondiale possa essere di 5.000-10.000 persone affette.

Distribuzione etnica

Diversi studi suggeriscono che l'incidenza della malattia di Pompe fra le diverse popolazioni possa variare da 1 - 14.000 a 1 - 300.000 casi, in base all'area geografica o al gruppo etnico di appartenenza .3 Nei neonati, la malattia di Pompe sembra essere più frequente:  Hirschhorn R, Reuser AJ. Glycogen Storage Disease Type II: Acid α-Glucosidase (Acid Maltase) Deficiency. In: ValleD, Beaudet AL, Vogelstein B, Kinzler KW, Antonarakis SE, Ballabio A, Gibson K, Mitchell G., eds. The Online Metabolic and Molecular Bases of Inherited Disease. OMMBID. Disponibile alla pagina: http://ommbid.mhmedical.com/book.aspx?bookid=971. Accesso effettuato nel febbraio 2015.

  • Fra gli afro-americani
  • Nella Cina meridionale e a Taiwan

Nei Paesi Bassi l'incidenza di adulti affetti dalla malattia di Pompe è relativamente elevata.  Ausems MG, Verbiest J, Hermans MP, et al. Frequency of glycogen storage disease type II in The Netherlands:implications for diagnosis and genetic counseling. Eur J Hum Genet 1999 Sep; 7(6): 713-6. Inoltre, è stato evidenziato che alcune mutazioni specifiche del gene GAA sono più comuni all'interno di determinati gruppi (vedi paragrafo 'Mutazioni' qui sotto).

Mutazioni

La malattia di Pompe è una malattia ereditaria causata da una mutazione del gene dell'alfa-glucosidasi acida (GAA), mappato sul braccio lungo del cromosoma 17 (localizzazione 17q25.2-q25.3).  Hirschhorn R, Reuser AJ. Glycogen Storage Disease Type II: Acid α-Glucosidase (Acid Maltase) Deficiency. In: ValleD, Beaudet AL, Vogelstein B, Kinzler KW, Antonarakis SE, Ballabio A, Gibson K, Mitchell G., eds. The Online Metabolic and Molecular Bases of Inherited Disease. OMMBID. Disponibile alla pagina: http://ommbid.mhmedical.com/book.aspx?bookid=971. Accesso effettuato nel febbraio 2015. Trattandosi di un disordine autosomico recessivo, la malattia di Pompe si manifesta solo quando si ereditano due alleli mutanti, uno da ciascun genitore. La maggior parte dei pazienti sono eterozigoti composti, ossia hanno ereditato due diverse mutazioni. Ad oggi, sono state identificate 500 mutazioni GAA distinte, anche se non tutte sono considerate patogeniche.4 Vengono segnalate sempre nuove mutazioni GAA e il Pompe Center dell'Università Erasmus di Rotterdam mantiene un catalogo aggiornato, disponibile all'indirizzo: http://cluster15.erasmusmc.nl/klgn/pompe/mutations.html?lang=en.

Correlazioni fra genotipo e fenotipo

In generale, la correlazione genotipo-fenotipo non è ben compresa e fra pazienti con mutazioni simili o identiche può esistere un'eterogeneità clinica significativa. Un'eccezione è rappresentata dalla presenza di due mutazioni nulle, che determina un'assenza completa dell'attività dell'enzima GAA. Questo genotipo causa una comparsa molto precoce della malattia durante l'infanzia e una grave e rapida progressione. Inoltre, sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio le relazioni genotipo-fenotipo e non è possibile ipotizzare una correlazione per ogni singolo paziente.  Hirschhorn R, Reuser AJ. Glycogen Storage Disease Type II: Acid α-Glucosidase (Acid Maltase) Deficiency. In: ValleD, Beaudet AL, Vogelstein B, Kinzler KW, Antonarakis SE, Ballabio A, Gibson K, Mitchell G., eds. The Online Metabolic and Molecular Bases of Inherited Disease. OMMBID. Disponibile alla pagina: http://ommbid.mhmedical.com/book.aspx?bookid=971. Accesso effettuato nel febbraio 2015. La progressione della malattia di Pompe è molto variabile e può essere imprevedibile, soprattutto nei pazienti con esordio più tardivo dei sintomi. I ricercatori stanno ancora studiando gli aspetti molecolari della malattia e i fattori sia genetici che ambientali che possono influenzarne la progressione e l'esito.

Analisi delle mutazioni

Anche se l'analisi delle mutazioni non necessariamente predice l'esito della malattia, è ancora uno strumento importante che può aiutare a confermare una diagnosi iniziale e supportare le analisi familiari, dei portatori e prenatali.

Riferimenti

  1. Ausems MG, Verbiest J, Hermans MP, et al. Frequency of glycogen storage disease type II in The Netherlands:implications for diagnosis and genetic counseling. Eur J Hum Genet 1999 Sep; 7(6): 713-6.
  2. Martiniuk F, Chen A, Mack A, et al. Carrier frequency for glycogen storage disease type II in New York and estimatesof affected individuals born with the disease. Am J Med Genet 1998; 79: 69-72.
  3. Hirschhorn R, Reuser AJ. Glycogen Storage Disease Type II: Acid α-Glucosidase (Acid Maltase) Deficiency. In: ValleD, Beaudet AL, Vogelstein B, Kinzler KW, Antonarakis SE, Ballabio A, Gibson K, Mitchell G., eds. The Online Metabolic and Molecular Bases of Inherited Disease. OMMBID. Disponibile alla pagina: http://ommbid.mhmedical.com/book.aspx?bookid=971. Accesso effettuato nel febbraio 2015.
  4. Pompe disease mutation database. Disponibile alla pagina: http://www.pompecenter.nl. Accesso effettuato nel gennaio 2015.